FacebookTwitterRSS Feed

I rifiuti genovesi negli inceneritori del Nord Italia: altro che sostenibilità...

AddThis Social Bookmark Button

Oltre la metà dei Rifiuti Indifferenziati raccolti (2015: 223.981, dati assesorato Ambiente - Comune Genova) a Genova vengono inceneriti. 45.850 all'inceneritore di Parola (Pavia), 38.684 in quello Iren di Torino, 22.037 da A2A Ambiente.  Il dato emerge in contemporanea alla presentazione del primo Bilancio di sostenibilità di AMIU.

"E' il frutto delle politiche di questi decenni, compresi quelli della giunta di centro sinistra che in 4 anni non e' riuscita a trovare il posto per fare un impianto di compostaggio", commenta il consigliere comunale FdS Antonio Bruno.
"La maggioranza di Comune e Città Metropolitana dovrebbero spiegare perchè non hanno preteso che la bonifica e la messa in sicurezza della discarica di Scarpino non venga finanziata dallo Stato come emergenza ambientale e sanitaria." continua il consigliere "con la conseguenza che i 60 milioni di euro che servono, verranno pagati dai genovesi, essendo molto improbabile che i privati di IREN - a cui la Giunta si accinge a cedere la gestione dei rifiuti - si accollino questa spesa".

Antonio Bruno, capogruppo Federazione della Sinistra Comune di Genova

Share