FacebookTwitterRSS Feed

Il Prc genovese ed il consumo di suolo

AddThis Social Bookmark Button

Il PRC genovese rivendica da tempo la necessità di uno "stato dell'arte" dell'edificato (sopra e sotto il suolo cittadino) pubblico e privato, in aree urbane e conurbanizzate con la conseguente verifica e il risanamento da un punto di vista urbanistico-ingegneristico.

Questa la "grande opera" che ci serve, il risanamento del Territorio. Oggi rileviamo quanto il degenerare della situazione sia quotidiano, il degrado rende necessaria un'inversione di tendenza rispetto alle grandi soluzioni previste, occorre iniziare una sistematica e pianificata manutenzione del territorio, dare uno stop alla cementificazione delle colline e dei rivi, praticare soluzioni sostenibili per garantire sicurezza e qualità di vita agli abitanti delle aree a rischio.

Questo vuol dire creare lavoro diretto alle maestranze locali alle piccole imprese edili adeguate al recupero, all'abbattimento o al risanamento del costruito, così come alla messa in sicurezza e alla regimentazione delle acque ed alla cura del territorio.

Giuseppe Pittaluga, capogruppo PRC/FdS III Municipio Bassa Valbisagno