FacebookTwitterRSS Feed

Bilancio Comune di genova: dialogo con Forum Terzo Settore e CGIL

AddThis Social Bookmark Button

Alcuni Soggetti (Forum Terzo Settore e CGIL) hanno inviato ai consiglieri comunali appelli per approvare i Bilanci Previsionale e Triennale dei Lavori Pubblici del Comune di Genova e, sotto traccia, la privatizzazione di Amiu con la multiutility Iren.
L'approvazione di un Bilancio Previsionale non è un atto tecnico, ma segnala l'adesione a un'amministrazione ben precisa con una sua connotazione ideologica.

Abbiamo ricevuto le vostre note e le vostre preoccupazioni sono anche le nostre.
Consideriamo le vostre considerazioni come una attenzione alle problematiche sociali e del lavoro e non come una scesa in campo a favore di una fazione politica.

La situazione delicata che stiamo attraversando ha delle responsabilita' che non possono essere gettate sulle spalle di chi ha contrastato le politiche nazionali e locali che sono all'origine della stessa.

La dissennata gestione dei rifuti, tutta volta a svendere AMIU alla multiutility Iren:

- non prolungamento contratto servizio - possibile se si mantiene l'azienda in house 
- non richiesta a governo e regione di fondi per la messa in sicurezza della discarica di Scarpino dopo gli eventi alluvionali del 2014, 
- non attuazione delle politiche di riduzione, raccolta differenziata, riciclaggio a termini di legge senza costruire negli anni gli impianti di compostaggio, isole ecologiche, separazione secco umido che chiediamo da decenni, ormai) sta portando a una fastidiosa contrapposizione tra "poveri", utile solo alla trama di potere affaristico che ci governa.

Il Piano degli investimenti triennali descrive questa situazione.
Decine di milioni per la speculazione del Blueprint e per interventi anche apprezzabili (come Chiostro Certosa, Palazzo Fortezza, Magazzini del Sale...) ma non prioritari di fronte alla messa in sicurezza di Scarpino, al risanamento dei quartieri collinari, all'acquisto di nuovi autobus e  la manutenzione territoriale.

Il Sindaco, durante un incontro in Confindustria,  ha sottolineato come virtuosa la sua politica di blocco delle assunzioni (.. in scuole e servizi sociali) ben oltre il famigerato "patto di stabilità" del Governo.

Quante volte, a titolo di esempio, abbiamo contestato i criteri di affidamento dei servizi le cui gare sono state basate su algoritmi che, di fatto, favoriscono un'offerta al massimo ribasso.

Da anni non condividiamo più le politiche dalla maggioranza di centrosinistra, per i motivi sopra espressi, oltre che per le politiche deficitarie in materia di servizi pubblici essenziali e, in particolare, per l'intenzione di privatizzare anche AMT. Intento, al momento, sventato dalla mobilitazione dei lavoratori.

In ogni caso presenteremo in Consiglio Comunale emendamenti per spostare finanziamenti e poste di bilancio dalle speculazioni e dagli sprechi (non ultima la paranoia securitaria) in favore delle aziende pubbliche e dei servizi sociali.

Siamo convinti che solo una nuova amministrazione, rivoluzionaria delle priorità e delle scelte della Giunta Doria, possa affrontare i problemi di Genova, tra i quali molte delle istanze da Voi perseguite  sono in posizione assolutamente prioritaria.
Auspichiamo  di lavorare insieme a Voi in questo senso.

i consiglieri comunali FdS Antonio Bruno e Giampiero Pastorino
il consigliere municipale FdS Valpolcevera Davide Ghiglione

Share