FacebookTwitterRSS Feed

Prc genovese saluta nuova segreteria regionale

AddThis Social Bookmark Button

Il congresso regionale del Prc Liguria ha eletto domenica una nuova segreteria. Innanzitutto faccio gli auguri di buon lavoro a tutte le compagne ed i compagni che la compongono.
Sono molto soddisfatto della scelta unitaria, ma sopratutto della presenza femminile e di giovani. Questo è il segnale che i militanti si aspettano dal nostro partito. Qualcosa sta cambiando e dobbiamo tutte e tutti lavorare duro perché questi cambiamenti diventino la nostra nuova ricchezza. Rifondazione c'è e sarà sempre al fianco delle classi deboli, degli sfruttati, dei precari, dei disoccupati. 
E ora tutt * alla lotta nelle strade!

Maurizio Natale , Segretario  Partito della Rifondazione Comunista  Federazione di Genova

 

Di seguito il suo intervento al congresso regionale:

 

Care compagne e cari compagni, benvenuti al congresso regionale del PRC.

Questo è un appuntamento importante per il nostro partito, ed arriva in un momento molto convulso per la sinistra di questo paese. Come molti sapranno, il tentativo di unire la sinistra attraverso l’appello firmato da Falcone e Montanari, conosciuto come il Brancaccio, è miseramente fallito a causa della autoreferenzialità di alcuni soggetti politici, che in spregio degli sforzi fatti attraverso incontri ed assemblee territoriali, hanno pensato bene di sottoscrivere un accordo segreto, dettato solo dalla volontà di mantenere il proprio posto all’interno delle istituzioni.

Fortunatamente i fermenti della sinistra, quella che non si sente rappresentata da questi signori , ha saputo reagire immediatamente, organizzando una riunione a livello nazionale, con la regia dei giovani dell’Ex OPG JE SO PAZZO.

A questo incontro del 18 novembre , molto partecipato al Teatro Italia di Roma, hanno aderito molte compagne e molti compagni che ritengono necessaria la creazione di una coalizione, non soltanto elettorale, che sia radicale su molti argomenti che il nostro partito condivide fortemente. Il compagno segretario Maurizio Acerbo è stato tra i primi ad aderire a questo progetto, e, con lui, hanno dato un loro contributo altre compagne e compagni del PRC, come Eleonora Forenza, la nostra europarlamentare.

Credo che sia importante attivare al più presto sul nostro territorio un’assemblea che metta insieme tutte le realtà che hanno visto in questo progetto una nuova speranza di rappresentanza. Sappiate che il PRC a Genova ci sarà e darà un contributo importante e sentito a questo percorso, senza farsi prendere da facili entusiasmi. Abbiamo la forte convinzione che questo progetto dovrà necessariamente avere come obiettivo un nuovo modo di intendere la politica, sul territorio, in difesa dei nostri valori, calpestati non solo dalle destre ufficiali, ma anche dalla destra del Pd e da quelli che oggi sono alla ricerca di una nuova ed improbabile verginità , come coloro che hanno votato le leggi più atroci contro la nostra classe di riferimento.

Sicuramente il lavoro sarà difficile e articolato, ma se , come mi sembra di percepire in questi giorni, ci sarà una volontà comune di tutti i soggetti partecipanti, sono convinto che ce la potremo fare.

Il PRC sta ritornando a praticare la politica che per troppo tempo aveva abbandonato, forse per le continue sconfitte sul piano sia elettorale, che della militanza vera e propria. Dobbiamo far tornare i giovani con noi, questo è un problema che la federazione di Genova sente fortemente. La nuova segreteria genovese ha necessità che vi sia un ricambio generazionale all’interno del nostro partito, e su questo abbiamo già cominciato a lavorare, contattando le organizzazioni studentesche che in queste settimane protestano contro la malsana idea dell’alternanza scuola-lavoro.

La segreteria regionale che uscirà da questo congresso, avrà non pochi impegni da affrontare nell’immediato, uno su tutti le prossime elezioni che daranno un nuovo governo al paese. L’augurio della federazione genovese è che il nostro regionale sappia coordinare al meglio le varie federazioni liguri in un momento così delicato, per evitare futuri fraintendimenti o incomprensioni che purtroppo in questi ultimi anni ci sono stati ed hanno creato non pochi problemi. Auspico una segreteria regionale aperta ed unitaria, che sappia tenere insieme le varie anime che agiscono nel nostro partito, noi a Genova ci stiamo provando e siamo convinti che la scelta unitaria ci possa mettere al riparo da inutili risse future.

Il Prc ha dimostrato la sua sensibilità e fermezza nel contrastare i rigurgiti fascisti comparsi un po’ ovunque nella nostra regione, si pensi a Genova e Savona.

Il mio è un appello a tutte quelle forze  che si dichiarano antifasciste di lottare e fare muro a questa inquietante realtà, non soltanto attraverso comunicati o manifestazioni rituali, ma anche con il controllo del territorio e dei quartieri più a rischio, dove questi topi di fogna vanno in cerca di facili consensi.

Un ultimo pensiero della nostra segreteria genovese va al nostro Compagno Dante Taccani che ha lasciato un vuoto difficile da colmare. Su Dante abbiamo già detto tante cose, ed è per questo che se fosse qui sarebbe il primo a dirci di passare ai fatti.  Quindi penso che questo congresso debba essere dedicato a lui ed alla sua generosità e  competenza dimostrata negli anni della sua lunga militanza. Ciao Dante!

Share