FacebookTwitterRSS Feed

Warning: getimagesize(https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/31404075_10216681453127577_1160071560002797568_n.jpg?_nc_cat=0&oh=8898616469cc7b4d2204881953350794&oe=5B5B1DFB) [function.getimagesize]: failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.0 403 Forbidden in /web/htdocs/www.rifondazionegenova.org/home/Joomla_1.5.20_ita-Stable/plugins/content/fb_tw_plus1/fb_tw_plus1.php on line 1527

Intervento del compagno segretario Maurizio Natale alla festa di Rifondazione Comunista del 25 aprile a Campenave.

AddThis Social Bookmark Button

Care compagne e cari compagni, come consuetudine ogni anno ci ritroviamo qui, a Campenave, per festeggiare la liberazione del nostro paese dal nazifascismo e il 1 maggio per la nostra festa dei lavoratori.

Mai come quest'anno il 25 Aprile ha un'importanza particolare per la nostra città medaglia d'oro per la Resistenza. 
In quest'ultimo anno sul nostro territorio i fascisti hanno tentato di rialzare la testa, aprendo nuove sedi, con la compiacenza delle istituzioni, che nulla hanno fatto per impedire questo affronto alla nostra città. 
Il nostro Partito ha più volte protestato contro questa palese violazione della nostra costituzione antifascista.
A tal proposito abbiamo aderito e partecipato alle manifestazioni organizzate dall'Assemblea Antifascista, così come oggi abbiamo voluto essere presenti alla manifestazione istituzionale in via XX settembre, per non lasciarla nelle mani di una destra xenofoba e tanto meno alle ambigue posizioni del pd e del suo ministro Minniti. 
L'attuale giunta comunale è responsabile di decisioni discriminatorie ed offensive per chi si trova in mezzo a una strada o a chi è costretto a scappare dal proprio paese in conseguenza delle guerre e le carestie provocate dalle politiche di sfruttamento e aggressione da parte dell'Occidente. 
Ovviamente, di tutto ciò non è solo responsabile la destra. 
Grosse responsabilità sono addebitabili ai mal governi del PD, che attraverso politiche di destra, hanno messo in ginocchio le lavoratrici e i lavoratori ed anche chi un lavoro non lo ha.Jobs Act, art.18, pareggio di bilancio, il decreto Minniti e il totale asservimento alle inumane politiche dell'UE con i suoi trattati che impoveriscono sempre di più le popolazioni. La Grecia è l'esempio più evidente. 
Questo clima di crisi diffusa, soprattutto nelle periferie delle città, ha dato nuova linfa vitale alla rinascita di una cultura che ha sdoganato il fascismo e le posizioni politiche più becere. 
Nella nostra Giunta Comunale, abbiamo un assessore sceriffo, Garassino, che si permette di dichiarare candidamente, che prenderebbe a calci nel sedere chi cerca di sopravvivere con l'elemosina, che predispone dei dissuasori finalizzati ad evitare che persone, senza dimora, possano trovare riposo negli angoli della nostra città ed ha pure pensato bene di multare chi venisse "pescato" a rovistare nella spazzatura per trovare qualcosa di commestibile. 
Anche la Regione Liguria sta facendo la sua vergognosa parte. 
Soprattutto per ciò che concerne la sanità pubblica. Questa voce era stata già presa di mira dalle precedenti giunte di centrosinistra e questo lavoro lo sta continuando, con grande accanimento, l'assessore della Lega Viale, che, con la scusa di prendere a modello il sistema sanitario lombardo, sta trasformando la nostra sanità pubblica in un'azienda che vede nel profitto il suo unico obiettivo.
Basti pensare al progetto di un ospedale privato sugli Erzelli e la chiusura del P.S. Villa Scassi, o allo smantellamento previsto per i Consultori, ultimo presidio in difesa dei più deboli. 
Questa non è la Regione che vogliamo. 
Questa non è la Genova che la storia ci ha consegnato.
La nostra città è e sarà sempre Antifascista. 
A fronte di tutto ciò, invitiamo la cittadinanza, le compagne e i compagni a tornare a lottare con forza nelle strade e nelle piazze.
È in atto una lotta di classe fatta dai padroni contro la nostra classe di appartenenza. 
Rovesciamo questa logica, con azioni di disobbedienza civile attraverso un duro contrasto sociale. 
I fascisti sono servi del capitale e non devono passare.
Concludendo, ricordo a tutti voi che il nostro partito ha un ruolo fondamentale in Potere al Popolo, questo progetto è ancora ai suoi inizi e, al di là del risultato elettorale deludente, è stato capace di risvegliare la militanza in vecchi compagni, ma soprattutto ha visto il riavvicinamento dei giovani alla politica, quella vera.
Rifondazione Comunista sta investendo molto in questo percorso a tutti i livelli, nella speranza di dare vita ad un nuovo blocco sociale che manca da troppo tempo al nostro paese. 
Il partito attraverso l'esperienza di Potere al Popolo ha la possibilità di rafforzarsi e tornare protagonista nelle lotte. 
Chiedo, per ciò, a tutte le militanti e i militanti, di superare le eventuali titubanze e di sostenere il Partito in questo percorso. 
W Rifondazione Comunista! 
W Il 25 Aprile e il 1 Maggio! 

Maurizio Natale
Segretario Provinciale
Partito della Rifondazione Comunista Genova