5356968
Today
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
All days
320
1907
11922
5330197
39402
62286
5356968

Your IP: 34.201.121.213
Server Time: 2019-07-19 03:40:45
FacebookTwitterRSS Feed

Catalogo nuovo

Furio Jesi, lo scrittore più odiato dai fascisti

AddThis Social Bookmark Button

"Che cosa vuol dire cultura di destra?" chiede un intervistatore a Furio Jesi nel 1979. È "la cultura entro la quale il passato è una sorta di pappa omogeneizzata che si può modellare nel modo più utile, in cui si dichiara che esistono valori non discutibili, indicati da parole con l'iniziale maiuscola".

Originale mitologo della modernità, Jesi dedica gli studi qui raccolti a individuare le matrici sotterranee, il linguaggio e le manifestazioni delle "idee senza parole" della cultura di destra otto-novecentesca; e lo fa smascherandone i luoghi comuni, le formule e le parole d'ordine che alludono a un nucleo mitico profondo e inconoscibile, ma fondante e modellante, cui fanno riferimento i principi ricorrenti di Tradizione, Passato, Razza, Origine, Sacro. Un "vuoto" da riempire di materiali mitologici, manipolati dalla propaganda politica di destra per legittimare il suo potere e gli ordinamenti sociali dominanti. Da questa prospettiva, Jesi indaga gli apparati linguistici e iconici sottesi al fascismo e al neofascismo, al nazismo e al razzismo, penetra nelle pieghe dell'esoterismo di Julius Evola e del lusso retorico dannunziano, attraversa le pagine di Liala e Pirandello.

Il libro può essere richiesto in prestito alla Biblioteca Popolare Antifascista telefonando a 3927390542.

Disponibile anche di Furio Jesi "il tempo della festa"

Share